matres, linee di sangue

Corto epic dark narrato col linguaggio del corpo

soggetto di davide vallascas | regia e fotografia Luca di bartolo

interpreti davide vallascas  Monica Ledda  francesca ASSIERO BRà

costumi Anna Mattarocci

COLONNA SONORA francesca qoya

fotografo di scena massimiliano porru (massyfly)


‘Matres è un corto epic dark narrato col linguaggio del corpo. Parla del mito arcaico della dea madre preistorica, liberamente ispirato al filone narrativo di Thomas De Quincy. È un cocktail evocativo di emozioni dal sapore forte e amaro’. 

E' al contempo un'ode alla Natura: piante secolari e vallate che ci riconducono alle origini dell'uomo, quando questo traeva linfa vitale dalla Madre Terra.

 

‘Matres is an epic dark short film narrated using body language. It speaks of the archaic myth of the prehistoric mother goddess, loosely based on the narrative strand of De Quincy. It is an evocative cocktail of emotions with a strong and bitter taste ”.

It is at the same time an ode to Nature: secular trees and valleys that lead us back to the origins of humankind, when it took its lifeblood from the Mother Earth.

 

Le Matres sono idoli di un tempo remoto, in cui la donna dominava le comunità umane ancora giovani e tribali. Personificavano le generatrici della vita, le dispensatrici di sapienza, di cure ai mali del corpo e della mente, della magia e della profezia fino al ruolo estremo e finale di emissarie del verdetto di morte per divino vaticinio, regolato da rituali segreti. L’educazione, l’insegnamento alle nuove generazioni, la loro crescita fisica e morale era opera materna e tutte queste prerogative furono trasmesse da madre in figlia seguendo un’ascendenza matrilineare. Queste donne potenti e temibili erano dunque le Matres delle genti e della storia prima della scrittura, sacerdotesse delle divinità ctonie e simulacri viventi della Dea Madre, la madre di tutte le madri, dalla quale discesero i loro poteri. 

 

Atropo è una Dea, una moira greca che tesse i destini degli uomini.

Potnia è una sacerdotessa, una Mater nell’atto di cimentarsi in una danza rituale con il suo “Dio Toro” da offrire in sacrificio per propiziare il favore del cielo e della terra. In comune questi personaggi hanno il rito, la danza, le geometrie e gli equilibri divini che valgono come una preghiera nel linguaggio ermetico e misterioso degli dei.

 

Con Matres desidero raccontare di un mondo perduto, con regole diverse da quelle che conosciamo e alle quali ci siamo abituati. Un mondo Antichissimo, ai primordi della civiltà umana, dove il potere è nelle mani di donne divine e temibili. 

 

 With Matres I want to tell about a lost world, with rules different from those we know and to which we have become accustomed. An ancient world, at the beginning of human civilization, where power is in the hands of divine and fearful women. 

 

Davide Vallascas                                     


I nostri sponsor:



Oppure compila ora i campi sottostanti e ti comunicheremo i metodi di pagamento e le ricompense per il tuo sostegno.

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti



FOTOGRAFIE DI SCENA


INTERPRETI PRINCIPALI

Davide Vallascas

Davide Vallascas

Inizio la mia formazione a partire da novembre del 2007 studiando recitazione teatrale, acrobatica, verticalismo e danza aerea, contact improvvisation, e danza contemporanea. Le principali esperienze formative sono avvenute con Antonio Iavarone, Carlotta Zamuner e Anna Da Pozzo.

Lavoro soprattutto con la creazione istantanea, radicata nel paesaggio e influenzata da tutti gli stimoli che recepisco. Uso un linguaggio ibrido, contaminato e personale, con densità di volta in volta diverse di danza, teatralità e circo che insieme generano la mia performance. Cerco di dar spazio al potere evocativo di una storia, quando possibile. Di un personaggio che la racconta o si racconta attraverso continue interazioni.

Recentemente sto sperimentando esperienze che implicano l’uso del mezzo video. Realizzo infatti un corto, “Calypso”, in collaborazione con Francesco Valvo, Andrea Andrillo e Diletta Murru. Con Luca di Bartolo partecipo all’esperienza formidabile del Sardinia Dance, sia con la collaborazione in un corto, “Collision”, sia nel “Progetto Interface” che prevede l’interazione fra un gruppo di danzatori locali e un gruppo di danzatori ospiti nelle cornici di importanti siti archeologici sardi. Sono inoltre selezionato nel casting del film “Mark’s Diary” di Giovanni Coda e nel video di “Forse Sognare” realizzato dallo stesso Coda per il brano musicale composto da Andrea Andrillo.

Francesca Assiero Brà

Inizio i miei primi passi di danza in Sardegna alla scuola “Attica”con Miriam Campus per poi trasferirmi e formarmi a Firenze presso l’accademia di arte e spettacolo “OpusBallet”. L’accademia mi offrì una formazione classica con ottimi docenti tra cui Angela Mugnai, Christophe Ferrari, Eugenio Buratti e l’opportunità di conoscere diversi stili di danza contemporanea e di contaminazioni con Samuele Cardini, Gabriella Secchi, Roberto Zappala, Corinne Lanselle, Endro Bartoli, Lisa Brasile, Rosanna Brocanello e Daniel Tinazzi. La curiosità innata mi porta a sperimentare seguendo diversi workshop di varia natura: musicali sperimentali, circense, teatrale e diversi approcci sulla danza contemporanea come Francesca Foscarini , Moreno Solinas e Michele Abbondanza . Danzo stabilmente con “Asmed” Balletto di Sardegna. La danza e tutto ciò che rappresenta l’arte in tutte le sue forme, è la creazione umana con la quale non finisco mai di giocare e conoscermi. 

Monica Ledda

Nata a Cagliari nel 1996, nel 2006 ho iniziato la mia preparazione atletica nel mondo del nuoto sincronizzato, disciplina che pratico tutt'ora a livello agonistico. Ho conseguito il titolo di allievo istruttore riconosciuto dalla Federazione Italiana Nuoto e da cinque anni insegno presso la Promogest. Trovo soddisfazione nel vedere i progressi di ciascuno e nel creare ed eseguire coreografie. Ogni anno partecipo ai campionati regionali  e nazionali, presentando esercizi di solo, doppio, squadra e combinato, raggiungendo sempre buoni risultati. Nel 2016 mi innamoro della danza aerea. Un colpo di fulmine sconvolgente vedendo la poesia e la bellezza di un danzatore aereo in TV. Iniziai a esplorare e sperimentare il mondo aereo, colorato e vitale dei pali, del tessuto, del cerchio, il portes acrobatico e il verticalismo. La formazione di pole dance e pole silky è seguita da Silvia Curatti presso la Vertical Dolls di Cagliari. Recentemente ho sperimentato l'aerial straps con Samanta Fois del Circo Paniko, artista formidabile che mi ha fornito fondamentali input di lavoro. La ricerca è proseguita a Madrid attraverso il confronto con acrobati aerei di altissimo profilo. Ho avuto modo di esprimermi in performance create per e con i performer Claudio e Paolo Ladisa e per il cantautore Andrea Andrillo. Amo anche il lavoro come artista di strada e le arti ad essa più strettamente affini. In particolare sto studiando la tecnica di sputafuoco con il performer Alessandro Angioni. Sono molto attratta dalla natura, dagli elementi della terra perché mi trasmetto buona energia. Il fuoco è l'elemento che più sentivo lontano e iniziare è stata una grande conquista. Tutto ciò che faccio, riesco a farlo perché è la musica che mi trascina e mi attrae, mi muove sulle sue note. La danza, che sia a terra, sull'acqua o nell'aria, è la mia voce interiore, il mio mezzo per esprimere me stessa e tirare fuori le emozioni che ho dentro.

Anna Mattarocci

anna mattarocci cagliari

Il brand Anna Mattarocci nasce più di 20 anni fa nel cuore di Cagliari, dove la fashion designer ancora oggi porta avanti la sua attività.

Ambizione, intuizione e una grande passione hanno portato la stilista a calcare le passerelle dell’Alta Moda.

Savoir-faire creativo e qualità sono alla base dei suoi prodotti. Grazie al connubio tra innovazione e attenzione verso la modernità le sue creazioni vengono definite futuristiche, così da dare ad ogni singolo pezzo quel tocco di unicità e originalità.

Nei suoi lavori ricerca continuamente la perfezione promuovendo fortemente l’handmade e la cultura sartoriale del Made in Italy.

Francesca Qoya

Nel 2009 il mio primo approccio alla ricerca vocale, inizio il mio viaggio alla scoperta del diaframma e del respiro come potenti mezzi di espressione. Ho cercato fin da subito un linguaggio per comunicare l essenza, i suoni, i sospiri, un linguaggio che mi potesse far sentire salda sul filo tra la terra e il cielo.

Mi avvicino poi al teatro danza e allo yoga, dove trovo interessanti spunti che mi permettono di raccontare la mia musicalità in modo personale. Tutto è fonte di ispirazione, i luoghi, gli incontri con le persone, la meditazione, il silenzio, il caos. Attraverso i miei vissuti, creo la mia performance.

Diverse le collaborazioni a Rimini e non solo, Teatro Corte di Coriano per lo spettacolo 'Ho visto Nina volare'; il festival Sardinia@dance ideato e diretto da Luca Di Bartolo come Telaraña (Francesca Qoya e Marco Marchetti); musiche e performance per la rassegna Pinkabbestia anno 2018, festival artisti di strada Santa Sofia sempre come Telaraña. Shiva Dance brano prodotto sempre come Telaraña.

Sempre come Telaraña con Luca Di Bartolo realizzo la colonna sonora per i cortometraggi Woody (suonata interamente dal vivo durante le riprese), Collision (con la partecipazione di Emma Giulia Tortorici), Time Machine (finalista a Yicca 2018); il brano 'Matrix' è stato utilizzato come soundtrack per 'Subliminal Wind - DAP Festival 2017' coreografia di Thomas Johansen con i danzatori Thomas Johansen e Tamara Fragale. 

Alla pagina YouTube 5chats è possibile trovare buona parte della produzione Telaraña.




Piattaforma di crowdfunding pioniera, Ulule permette a progetti creativi, innovativi e dedicati al pubblico di testare la loro idea e di ingrandire e rinforzare la loro community.

In 6 anni, Ulule è diventata la prima piattaforma europea di crowdfunding, con oltre 28.000progetti finanziati, più di 2,6 milione di membri iscritti nel mondo e un tasso di successo quasi del 70 %.

Aiutaci a produrre Matres

Se desideri aiutarci scrivici un messaggio con il tuo nome e cognome seguiti da MATRES. All'apertura della campagna di crowdfunding ti invieremo il link alla pagina di Ulule per scegliere la quota e la tua ricompensa, grazie a partire da ora.

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

ORGANIZZAZIONE

Organizzatore referente

Luca Di Bartolo | Davide Vallascas


PARTNERSHIP

Collaborazione artistica

AD Gallery, corsi di fotografia, sardegna, workshop fotografici, dance photography, fotografia di danza,  anna pavlova network, luca di bartolo, sardinia, dance, sardegna, danza, fotografia, estate, summer, musica

WALTER USAI

Ceramiche in Assemini
https://www.usaiwalter.com/

AD Gallery, corsi di fotografia, sardegna, workshop fotografici, dance photography, fotografia di danza,  anna pavlova network, luca di bartolo, sardinia, dance, sardegna, danza, fotografia, estate, summer, musica

LA NUOVA FUCINA

Laboratorio Artigiano Cagliari
https://www.lanuovafucina.it

AD Gallery, corsi di fotografia, sardegna, workshop fotografici, dance photography, fotografia di danza,  anna pavlova network, luca di bartolo, sardinia, dance, sardegna, danza, fotografia, estate, summer, musica

ETICANDO

fibre naturali, accessori ecologici, sartoria creativa www.eticando.com

AD Gallery, corsi di fotografia, sardegna, workshop fotografici, dance photography, fotografia di danza,  anna pavlova network, luca di bartolo, sardinia, dance, sardegna, danza, fotografia, estate, summer, musica

AD GALLERY

Contemporary Photography
www.adagallery.it

Media partner

AD STUDIO - Web Agency - Firenze - di Alberto Desirò

AD STUDIO

Web & Media Agency

www.adstudio.agency



Potnia: è una dea/strega.  Una donna carica di forza e autorità che incute timore e rispetto. La figura di riferimento è la sacerdotessa vestale. Molto calzante il personaggio del film "il primo re"