workshop di fotografia di scena


I workshop di fotografia sono dedicati a tutti coloro che desiderano avvicinarsi all’utilizzo della fotografia come mezzo di narrazione dell’azione scenica in ambito teatrale e coreutico e delle emozioni che in noi prendono forma.

Affrontare il palco stando sul palco, prima di tutto. Questo implica una visione personale a cui dare forma col tempo e con la passione; questo implica, a mio parere, essere parte senziente di quel momento, prima di ogni altra cosa.

Durante i laboratori si cerca di trasmettere un messaggio umano e poetico, oltre agli aspetti tecnici che ci aiutano a seguire con naturalezza i nostri desideri emotivi.

I laboratori non sono perciò momenti unilaterali in cui l’’attore/danzatore’ diviene modello distaccato dalla sua spiritualità, per essere ‘oggetto’ a cui chiedere di ‘fare’, ma al contrario sono momenti durante i quali confrontarsi con diverse personalità reali, con i loro propositi di espressione attraverso il corpo ed il linguaggio.


"DANCE IN THE BOX"

Workshop di fotografia di danza - montefano 23-24 marzo 2019 - teatro rondinella

WORKSHOP DI FOTOGRAFIA DI DANZA Teatro Rondinella - Piazza Bracaccini, 4 - Montefano  23-24 marzo 2019 organizzazione Luca Di Bartolo con Erika Leo e Yuli Spiegelman

Con questo workshop di fotografia intendo procedere sul percorso che sempre più mi allontana dal concetto più classico di workshop di fotografia di danza: lontani dal fondale continuo di uno studio per salire sul palco vero e proprio, ora affrontare il concetto di visione stessa del corpo in movimento: come lo guardiamo, da quale punto di osservazione, come definiamo il taglio di un'inquadratura.

Cosa avviene se un corpo viene inquadrato aprioristicamente all'interno di un riquadro dal quale non ha possibilità di uscire 'La Black Box', cosa avviene se poi al contrario lo facciamo viaggiare da un quadro ad un altro.

Tutto questo all'interno della splendida cornice del Teatro Rondinella a Montefano nel contesto degli eventi legati a Premio Arturo Ghergo.

In questo viaggio saremo accompagnati da due giovani danzatrici: Yuli Spiegelman ed Erika Leo che lavoreranno su questo progetto assieme a me e ad un ospite speciale la stilista Egy Cutolo.

Durante lo studio di parte del lavoro che andremo a realizzare ho sentito il desiderio di porre un'attenzione particolare sui costumi di scena, così è nata la conoscenza di Egy, che ha deciso di fare parte di questo laboratorio con la sua creatività e con la sua visione e spinta nell'essere creatrice.

 

'La Black Box' è un progetto coreografico di Giorgia Damasco e Luca Di Bartolo

programma

 

Sabato 23

-presentazione dei partecipanti e degli artisti

- breve visione di alcuni lavori fotografici e video dell’autore, una personale poetica di approccio allo sguardo sulla danza.

- inizio dei lavori: la Black Box, un caso specifico di sperimentazione sulla visione della danza. Si tratta di un progetto sperimentale in fase di elaborazione dunque sarà interessante osservare come ognuno di noi lo affronterà. Per questa parte del workshop sarà utile avere con se un cavo HDMI con uscita adatto alla propria fotocamera e sull’estremo opposto uscita standard HDMI da collegare ad un apparecchio televisivo (presente in teatro). Portare con se un cavalletto (se possibile)

- Black Box (seconda parte): conclusione dalla parte pratica e raccolta file (20 scatti a testa) su chiavetta USB comune

- visione in comune del materiale realizzato e discussione

- inroduzione e prime riflessioni sul progetto “Le Pazze”.

 

Domenica 24

- progetto “Le Pazze”, dopo una giornata dentro ad una scatola nera, chiederemo alle nostre danzatrici di danzare sul concetto di follia e gabbia, all’interno della scacchiera dei palchi del teatro, sarà un ulteriore momento di piena sperimentazione per loro e per i fotografi. Lavoreremo sulle diverse dinamiche dellla danza e su come avvicinarci a questa scacchiera Avere con se un cavalletto (se possibile).

- conclusione dalla parte pratica e raccolta file (20 scatti a testa) su chiavetta USB comune.

- visione in comune del materiale realizzatoe discussione.

Erika Leo

è una giovane ballerina Italiana nata a Brindisi. Sin da bambina è appassionata alla danza, e segue il suo sogno, riuscendo a coronarlo nel 2015, entrando nella rinomata Accademia di Monaco di Baviera “Iwanson International school of contemporary dance”.

Si diploma a pieni voti nel 2018, ed entra subito a far parte della Julia Dance company e lavora per alcuni progetti, tra cui uno dei più “Philarmonie” a Monaco. La danza è sempre stata la sua voce.

Questa forma d’arte ha sempre rappresentato per lei una via per poter esprimere ciò che non si riesce ad esprimere con le parole, a farla sentire realmente se stessa, senza la paura di esser giudicata e rappresenta un modo per lei di staccarsi dal mondo esterno e da tutto ciò che la circonda, per ascoltarsi ed essere ascoltata.

Yuli Spiegelman

Nasce a Tel Aviv, Israele. Sin da ragazzina, si è interessata al mondo dell’arte e in particolare alla danza. Frequenta la Israeli Ballet school dall’età di 6 anni.

Nel 2015 si laurea presso la Thelma Yellin e ottiene una borsa di studio presso l’AAB Purchase College di New York, dove si specializza in danza classica, moderna e contemporanea.

Tra il 2015/2017 entra a far parte del programma di danza professionale “Maslool” diretto da Naomi Perlov, l’assistente di Preljocaj.

Nel 2017 si trasferisce in Italia per sviluppare la sua carriera di ballerina. Ha preso parte al College della Biennale di Venezia con Marie Chouinard e Daina Ashbee. Alla fine del 2018 balla in tre diverse creazioni parte del progetto APPStage di Michal Mualem e Giannalberto De Filipis, Luc Dunberry ed Elisa Pagani. Nel 2019 si esibisce a Roma all’interno del progetto ”Corpo, oumo società” con Davide Romeo e Greta Bragantini.

Attualmente lavora con Roberto Lori nel progetto Antigone a Firenze e continua a ballare, esplorare il movimento e recitare.

Lavorare su un processo di creazione è ciò che le consente di espandere sia l’immaginazione che le abilità fisiche.

L’esplorazione di diversi modi di muoversi, creare, esprimere ed esibire è una parte significativa della sua vita.

Egy Cutolo

Nasce a Sarno, si trasferisce a Milano, dove comincia il suo cammino nel mondo della moda.

Si laurea in Fashion Design all’Istituto Marangoni e successivamente matura da subito svariate collaborazioni nel fashion e nel graphic design presso diversi uffici stile milanesi, per i quali coordina collezioni di abbigliamento donna, uomo, bambino, e accessori.

Il 2008 è per Egy un anno ricco di soddisfazioni: lavora presso l’ufficio stile Giorgio Sogari per la collezione Patrizia Pepe, è una delle semifinaliste del concorso Fashion Incubator (Nex Generation), indetto dalla Camera Nazionale della Moda di Milano, infine, diventa creatrice di una prima acerba linea di moda contemporanea indipendente e autofinanziata, in collaborazione con la Rossoporpora Events di Roma.

Collabora con svariati uffici stile in Lombardia e Piemonte per poi tornare nel 2009 in Campania per ricoprire la carica di fashion designer presso alcuni brand campani, tra i quali SILVIAN HEACH e NLAB “verapelle.store”.

Alla ricerca di continue metamorfosi, le creazioni di Egy destrutturano il concetto di normalità e si caricano di volta in volta di significati metaforici, che arrivano a toccare profondamente temi psico-sociali di grande attualità, dalla lotta contro la pedofilia alla rettificazione sessuale…mixa varie tipologie di concetto, quasi sempre in contrapposizione tra loro, per rendere il capo o l’intera collezione presentata, un qualcosa di inedito e di non visto prima.

La donna di Egy è una donna che vuole osare, è una circense che ama esibirsi ovunque ed essere anticonvenzionale, fino ad apparire, talvolta, ridicola agli occhi di tutti. Può sembrare introversa, ma non per questo è asociale, è solo infastidita e impaurita dalle costrizioni della società apparentemente libera in cui vive e nella quale, però, cerca sempre la massima espressione di sé….

Download
SCHEDA DI ISCRIZIONE WORKSHOP
Iscrizione Workshop .docx
Documento Microsoft Word 326.0 KB
Download
SCHEDA PRENOTAZIONE HOTEL
prenotazione Hotel per workshop.docx
Documento Microsoft Word 130.8 KB


MAN - 9 e 10 settembre 2018

1) ANFITEATRO ROMANO DI ALBA FUCENS, MASSA D’ALBE domenica 9 SETTEMBRE 2018

Laboratorio di Fotografia di Danza presso l'anfiteatro romano Alba Fucens, Massa d'Albe. A cura di Luca Di Bartolo con la collaborazione di AD Gallery di Alberto Desirò

Un'occasione per ritrovarsi a fotografare danza in un set speciale. Il giovane coreografo Giovanni Napoli con il danzatore Cosmo Sancillo porteranno in scena una nuova produzione per la realizzazione di un video.

Lavoreremo su un tema in fase di costruzione, con la fotografia.

MAN

La prima cosa che viene in mente pensando ad un uomo è la sua forza, la seconda la sua debolezza

Un ossimoro vivente l’uomo racchiude in sè dolcezza e brutalità

Conserva la tenerezza delle mani di un bambino ma decide di mostrare al mondo l’irruenza dell’uomo di affari

Il padre che prende in braccio la sua bambina, sa essere quello spietato che fa piangere la

Prima ragazzina

Quel ragazzo impaziente che attende all’altare e che soffre nel vederla piangere per tutto ciò che lui non sa fare

Si dice che gli uomini siano meno sensibili delle donne ma nessuno sa che l’Uomo

Quello che è bambino, fratello, padre, amante, nasconde in se un inestimabile universo di emozioni così pure così reali che non gli resta altra scelta se non fuggire

Fuggire sempre per paura di ammettere al mondo che l’uomo è di cristallo

Apparentemente forte, luminoso alla luce, ma così fragile da andare in mille pezzi anche solo se lo sfiori

Testo di Giovanni Napoli e Nadia Tumminello


Giovanni Napoli, danzatore e coreografo

GIOVANNI NAPOLI

 

Giovanni Napoli inizia i suoi studi a Palermo. 

Nel 2007 inizia il suo percorso professionale ed entra a far parte dello Junior Balletto di Toscana diretta da Cristina Bozzolini

Dal 2010 è danzatore della MM Contemporary Dance Company diretta da Michele Merola.

Nel 2013 collabora con InCompany diretta da Emanuele Soavi.

Impegnato come danzatore, insegnante di danza in diverse realtà italiane e Giovane coreografo vincitore di importanti competizioni Italiane di coreografia.

 

Finalista del 

31º International competition for choreographers, Hannover.

10º Copenhagen International Choreographic Competition, Copenhagen.

32º International competition for choreographers, Hannover.


Cosmo Sancillo, danzatore

COSMO SANCILLO

Inizia il suo percorso di studi a Molfetta e si forma professionalmente attraverso workshop con maestri di grande fama. 

Nel 2011 inizia la sua formazione professionale con Agora Coaching Project diretto da Michele Merola ed Enrico Morelli.

Lavora in progetti come Metamorphosis!Individual (2013) e Relics (2017) di Emanuele Soavi a Köln e in altre città della Germania come Berlino e Dresda.

Dal 2014 è danzatore presso la compagnia Spellbound Contemporary Ballet di Mauro Astolfi con la quale approda in Korea, Stati Uniti d’America, stato di Panama, Lussemburgo e Germania. 

Dal 2016 è danzatore per la MMContemporary Dance Company diretta da Michele Merola.


Quota di iscrizione Laboratorio: 160 euro

Numero massimo di partecipanti: 8

Termine per l’iscrizione: 3 Settembre 2018

Info e iscrizione: 393 9285547 - info@lucadibartolo.net

Docente: Luca Di Bartolo

Download
SCHEDA DI ISCRIZIONE
MODULO ISCRIZIONE_MAN_ALBA FUNCENS.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.5 MB


Trilogia sull’abitare FOUR#GENERATION

2) ANFITEATRO ROMANO DI ALBA FUCENS, MASSA D’ALBE LUNEDÌ 10 SETTEMBRE 2018

Laboratorio di Fotografia di Danza presso l'anfiteatro romano Alba Fucens, Massa d'Albe. A cura di Luca Di Bartolo con la collaborazione di AD Gallery di Alberto Desirò

Un'occasione per ritrovarsi a fotografare danza in un set speciale. La compagnia E-motion diretta da Francesca La Cava, metterà in scena una delle creazioni a cui sta lavorando, per realizzare il video della stessa. Una bella occasione per condividere un momento realmente creativo e creare un dialogo tra costruzione delle riprese in un ambiente magico per un lavoro che nasce per il palco. La fotografia avrà il duplice scopo di documentare questo e evento e diventare essa stessa parte di esso. Lo studio della costruzione dell'immagine che si desidera riportare in forma dinamica nel video.

 

Il laboratorio inizierà alle ore 10:00 con una breve presentazione di ogni partecipante; un’introduzione al mio lavoro di fotografo incentrata su quelli che considero gli aspetti più specifici del mio agire sul palco.

Poi incontreremo Francesca La Cava e le sue danzatrici che racconteranno la loro storia e con le quali si danzerà ‘emotivamente’ durante la parte fotografica.

Francesca La Cava, danza contemporanea

Scrivici per maggiori informazioni:

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Francesca la cava

Formazione artistica: ASMED di Cagliari, Accademia Nazionale di Danza di Roma – Istituto di Alta Cultura, borsa di studio London Contemporary School, Università D.A.M.S. di Bologna; perfeziona lo studio della danza contemporanea con Jean Gaudin, Jean Cebron, Carolyn Carlson, Luc Bouy, Nicole Caccivio, Myriam Naisy, Ori Flomin, Richard Move, Suzanne Linke, Julian Moss, Inaki Azpillaga, Russell Maliphant, etc.

Docente di tecnica della danza contemporanea all’Accademia Nazionale di Danza di Roma – Istituto di Alta Cultura.

Insegna danza contemporanea in numerosi laboratori per professionisti e finanziati dall’UE (POR FESR, IPA ADRIATIC, EUROPA CREATIVA, etc.).

Premi: Premio speciale Stefano Valentini, Roma per il ballo e Vignale Danza.

E’ stata co-direttore Artistico e assistente alla coreografia della compagnia Danzare la vita di Elsa Piperno e Direttore del Corpo di Ballo del Teatro Lirico D’Abruzzo – Teatro Marrucino di Chieti.

In qualità di danzatrice contemporanea ha lavorato con: Joseph Fontano, Enrica Palmieri, Adriana Borriello, Pierre Droulers, Phillis Gutelius, Tere O’Connor, Giovanna Summo, Mario Piazza, Elsa Piperno, Anouscka Brodzac, Anita Bucchi, Gabriella Stazio, Ugo Pitozzi, Fiorenza D’Alessandro, Guido Silveri, etc., regie di Hugo De Ana, Roberto De Simone, Arnoldo Foà, Henning Brockhaus, Alvaro Piccardi, Renato Giordano, Sergio Rubini, etc.

Dal 2004 è Direttore Artistico del GRUPPO e-MOTION, Compagnia di danza contemporanea con sede a L’Aquila, unica realtà di produzione della danza in Abruzzo finanziata dal Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo. La Compagnia è sostenuta dalla Regione Abruzzo e dal Comune dell’Aquila.


Quota di iscrizione Laboratorio: 160 euro

Numero massimo di partecipanti: 8

Termine per l’iscrizione: 3 Settembre 2018

Info e iscrizione: 393 9285547 - info@lucadibartolo.net

Docente: Luca Di Bartolo

Download
SCHEDA DI ISCRIZIONE
MODULO ISCRIZIONE_GENERATION_ALBA FUNCEN
Documento Adobe Acrobat 2.5 MB


Laboratori di fotografia EDIZIONI PASSATE

LABORATORIO DI FOTOGRAFIA DI DANZA

Prato, 10-11 febbraio 2018 - Spazio Quilombo

Mezzo di narrazione cosciente a cura di Luca Di Bartolo e Alberto Desirò

Il laboratorio è dedicato a tutti coloro che desiderano avvicinarsi all’utilizzo della fotografia come mezzo ‘cosciente’ di narrazione dell’azione scenica e delle emozioni che in noi prendono forma di fronte ad essa.

Ha come fine quello di avvicinare i partecipanti alla danza, in quanto linguaggio personale di ogni artista.

Non si propone come momento unilaterale in cui il danzatore diviene modello distaccato dalla sua spiritualità per essere ‘oggetto’ a cui chiedere di ‘fare’ ma come un momento in cui confrontarsi assieme con diverse personalità reali, con i loro propositi di espressione attraverso il corpo.

Ogni ospite avrà spazio per raccontarsi a parole, dando la possibilità ai partecipanti di coglierne almeno in parte lo spirito e di interagire; in un secondo tempo improvvisando o eseguendo coreografie che possano essere per lui riconducibili alle parole espresse.

Il Laboratorio si svolgerà presso lo spazio Quilombo, Via Santa Chiara 38/19, Prato.

Il laboratorio inizierà sabato ore 09:00 con una breve presentazione di ogni partecipante; un’introduzione al mio lavoro di fotografo incentrata su quelli che considero gli aspetti più specifici del mio agire sul palco.

Poi incontreremo il primo ospite che racconterà la sua storia e con il quale si danzerà ‘emotivamente’ durante la parte fotografica.

Conosceremo 4 artisti, con le loro storie e il loro corpo danzante.

Lo stesso avverrà anche domenica con gli altri danzatori.

 

Quota di iscrizione: 210 euro

Numero massimo di partecipanti: 8

Termine per l’iscrizione: 31 Gennaio 2018

Info e iscrizione: 393 9285547 - info@lucadibartolo.net

Docente: Luca Di Bartolo

I nostri artisti ospiti

Il punto di forza di questa proposta è la presenza di danzatori che nello spazio e nel tempo del laboratorio dedicano la loro danza a noi. Li scelgo soprattutto in base al fatto di conoscerci personalmente e averli visti danzare, o per aver avuto con loro uno scambio di pensieri ed idee, ognuno ha un suo percorso di vita e ci porta una visione personale e unica.

Nota:

Precisiamo che tutto il materiale prodotto non potrà essere pubblicato in alcun modo se non previa verifica da parte dei nostri ospiti, che comunque ci rilasceranno una liberatoria per il suo utilizzo.

LABORATORIO DI FOTOGRAFIA IN SCENA

9-10 Dicembre 2017 - Teatro Monteverdi - Via Dante, 149 - Cremona

Mezzo di narrazione cosciente a cura di Luca Di Bartolo

Alcuni momenti del laboratorio di Cremona:



Partnership

AD Gallery
Contemporary Photography Gallery

www.adgallery.it

AD Studio / Web & Media Agency
Comunicazione per l'impresa

www.adstudio.agency


Seguici su Facebook:



Quota di iscrizione Laboratorio: 160 euro

Numero massimo di partecipanti: 8

Termine per l’iscrizione: 3 Settembre 2018

Info e iscrizione: 393 9285547 - info@lucadibartolo.net

Docente: Luca Di Bartolo

"The Crowd" | di Luca di bartolo e Alberto Desirò

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Download
SCHEDA DI ISCRIZIONE
MODULO ISCRIZIONE_MAN_ALBA FUNCENS.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.5 MB