scHEDA TECNICA COSTUMI

Siamo alla ricerca di una stilista che abbia piacere di sostenere questo progetto attraverso la produzione dei tre abiti di scena per gli interpreti di Matres.

La partecipazione a questo progetto presuppone l'interesse a farne parte in maniera non onerosa per entrambe le parti.

Nel caso il vostro nome e logo  (personale, azienda o altro) sarà presente su tutto il materiale legato alla produzione del cortometraggio e nei titoli. Sarete inoltre sul sito dell'evento e sui nostri profili instagram e pagina facebook (già attivi da un mese). A giorni presenteremo un piccolo trailer già sui canali di International Matres 2019.

Questa scheda ha la finalità di indicare a chi può essere interessato a fare parte di questo progetto con le proprie forze, le linee guida per la realizzazione dei costumi di scena. Saranno 'abiti' in qualche modo 'storici' ma non per questo necessariamente 'archeologicamente corretti'. E' nostro intento lasciare la libertà di  creare qualcosa di 'storico' ma anche molto  'personale'.

Atropo | Francesca Qoya

Moira greca (parca), la figura di riferimento è quella della tessitrice. Il volto e la figura intera è sempre indecifrabile e non riconoscibile. Le anziane donne al telaio della cultura mediterranea, vestite a lutto, ricordano Atropo

Potnia | Monica Ledda

Potnia: è una dea/strega.  Una donna carica di forza e autorità che incute timore e rispetto. È anche la generatrice della vita, dea madre, la custode dei segreti della divinazione e della sapienza, la femmina "accabbadora" in punto di morte. La figura di riferimento è la sacerdotessa vestale.


Potnia ha una lunga gonna che arriva alle caviglie come nel rilievo in foto. La gonna può essere molto elaborata o semplice ma con sopra una sorta di grembiule che fascia anche la vita e questo è elaborato. Intorno alla testa Potnia può portare un cerchietto e/o un velo o scialle. Per evitare il seno esposto si può utilizzare una fascia color carne. Fascia e pelle saranno riccamente ricoperti da disegni rossi e neri e creta umida. La figura di riferimento è la sacerdotessa vestale. Molto calzante il personaggio del film "il primo re".

Tauro | Davide Vallascas

Tauro: è il toro sacrificale. Una bestia sacra che incarna la potenza virile e la forza, il lato bestiale e primitivo della natura umana. La figura di rifetimento è il minotauro.

La mutandina con gonnellino corto può essere anche in cuoio o pellicciotto. Le stole di tessuto rosso sono legate a una fascia che cinge il collo come un collare. Per finire il toro può avere qualcosa di simile a un elmo vichingo o a una corona a cerchio con  due corna d'osso (foto di sinistra Il Minotauro di Zaches Teatro, foto di destra Il Minotauro, opera lirica contemporanea su musica di Silvia Colasanti).

Tauro e Potnia | Rapporti

Si deve giocare il più possibile sulle sfumature dell'equivoco. Sono vittima e carnefice ma sono anche amanti. Sono atleti ma si sa già chi è il vincitore e il vinto. Sono amministratori di un culto ma possono non essere felici di farlo in quella circostanza. Il se deve esserci su tutto, Il dubbio.


PER INFORMAZIONI

 

Per informazioni su Matres:

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

ORGANIZZAZIONE

Organizzatore referente

Luca Di Bartolo | Davide Vallascas


PARTNERSHIP

Collaborazione artistica

AD Gallery, corsi di fotografia, sardegna, workshop fotografici, dance photography, fotografia di danza,  anna pavlova network, luca di bartolo, sardinia, dance, sardegna, danza, fotografia, estate, summer, musica

WALTER USAI

Ceramiche in Assemini
https://www.usaiwalter.com/

AD Gallery, corsi di fotografia, sardegna, workshop fotografici, dance photography, fotografia di danza,  anna pavlova network, luca di bartolo, sardinia, dance, sardegna, danza, fotografia, estate, summer, musica

AD GALLERY

Contemporary Photography
www.adagallery.it

Media partner

AD STUDIO - Web Agency - Firenze - di Alberto Desirò

AD STUDIO

Web & Media Agency

www.adstudio.agency



Potnia: è una dea/strega.  Una donna carica di forza e autorità che incute timore e rispetto. La figura di riferimento è la sacerdotessa vestale. Molto calzante il personaggio del film "il primo re"