interpreti


Giorgia Damasco

Nata a Cagliari nel 1977, inizia a danzare a 8 anni. Nel proprio percorso di studi e di vita non smette di ricercare nell'espressione corporea una strada utile per la comunicazione individuale e collettiva .

Insegnante di danza contemporanea Release based, ama tutto ciò che relaziona il corpo allo spazio come mezzo dotato di resistenza attiva che costringe all’energia qualsiasi parte del corpo. Nelle proprie creazioni predilige un uso del corpo tendenzialmente ludico, scaricato da eccessi emotivi, ben definito nell’utilizzo di leve e motori direzionali e negli aspetti di coerenza del movimento individuale e di gruppo. 

Collabora con particolare interesse a progetti inerenti le arti visive ritenendo che un obiettivo fotografico, intercettando le linee di forza generate dal corpo in movimento, possa costituire la quarta dimensione dello stesso e divenire parte integrante della creazione.

Alessandro Cascioli

Nasce a Roma, dove si diploma presso la Scuola di danza del Teatro dell’Opera. Nel 2010 vince la XX edizione del Rieti Danza Festival. Intraprende il suo percorso professionale presso il Teatro dell’Opera di Roma. Lavora presso l’Opéra National de Bordeaux e presso il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, interpretando ruoli solistici in coreografie di Ventriglia, Foniadakis, Kylian, Balanchine, Chalmer, Linke, Forsythe, Bournonville, Polyakov, De Candia, Mohovich. Partecipa alle produzioni per giovani coreografi Short Time I e Short Time II in qualità di ballerino e coreografo. Ha partecipato a diverse tournée con MaggioDanza tra le quali quella al Belgrad Dance Festival in Serbia. Vince la seconda edizione del Premio Danza Capri International come talento emergente. Nel 2013 entra a far parte del corpo di ballo del Teatro Massimo di Palermo dove interpreta ruoli da primo ballerino quali Fritz e Don Josè rispettivamente nei balletti Lo schiaccianoci e Carmen, coreografia di Amedeo Amodio, e Mercuzio in Romeo e Giulietta con coreografia di Massimo Moricone. Nella stagione 2015 lavora con Emma Dante per l’opera Gisela! e prende parte a Orphée et Eurydice con la coreografia di Frédéric Flamand, a Coppelia (Coppelius) di Amedeo Amodio, a Carmen Suite di Enrico Morelli e a Omaggio a Martha Graham. Ha partecipato come primo ballerino nel ruolo di Nataniele al tour di Coppelia di Amodio.

Marco Caredda

Nasce a Cagliari l'8 ottobre 1987, inizia il suo percorso musicale nella banda musicale del suo paese d'origine, Senorbì. Dopo aver passato l'adolescenza a suonare in svariate band punk, rock, funk, jazz, all'età di 17 anni si iscrive al Conservatorio di Musica G.P. da Palestrina di Cagliari in strumenti a percussione, dove avrà l'occasione di ampliare la sua conoscenza dell'infinito mondo degli strumenti a percussione, grazie al maestro Roberto Pellegrini, con il quale si diplomerà nel luglio 2011 in strumenti a percussione e nel luglio 2014 in batteria jazz. Nel 2006 si diplomerà inoltre al Liceo Artistico Foiso Fois di Cagliari, Unendo in futuro le varie artiassimilate. A partire dal 2010 in poi inizierà un percorso di studi riguardante la direzione d'orchestra applicata sopratutto alla musica contemporanea, dirigendo opere di Antheil (in collaborazione con artisti visivi), Varese, Sejourneè, Schoenberg e di vari compositori locali. La varietà della musica trattata da questo musicista sfiora la più totale ecletticità, portandolo a suonare oggetti poco consoni, come pentole, parabole, piatti da portata, uniti all'elettronica, mischiati agli strumenti di uso comune. Tra le varie attività master e collaborazioni ricordiamo i maestri David Cossin, Michael Lipsey, Tom Color, Alvin Curran, Steven Chic, Franciose Bedel, Francoises Rivaland, Carlo Boccadoro, Massimo Ferra, e tra i vari gruppi ricordiamo il "Modular Quartet", i "Ratapignata", gli "Elettroflebo", "the Wheels", l'M-Project (The middle Way), "'Officina del suono", "The Man and the Journey"," Modular Ensemble", "Snake platform". Attualmente si occupa di musica a 360 gradi, continuando il consueto approccio eclettico ormai radicato nel modo di suonare. 


Per informazioni su

ETNA HUMAN CHOREOGRAPHIC JOURNEY:

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti